Parte la corsa a sette anni di fondi comunitari. Per l’Italia 31,8 miliardi

90701d02ae3da0e5a21abbd900c25748_l-2

Dopo sette mesi di laboriosi negoziati, l’Europarlamento ha approvato il bilancio Ue per il periodo 2014-2020, ossia il Quadro finanziario pluriennale che gestisce 960 miliardi di euro di impegni finanziari. Visto che già si sa che il Consiglio Ue dovrebbe apporre il sigillo finale al budget pluriennale il 2 dicembre, senza dibattito, il voto di Strasburgo rappresenta di fatto lo sparo dello starter nella corsa ai finanziamenti europei per i prossimi sette anni.

Molto dovrà esser fatto nelle regioni di tutta Europa per sfruttare bene i 325 miliardi di fondi strutturali messi a disposizione dei 28 Paesi Ue, con l’Italia che si ritroverà a gestire una dote di ben 31,8 miliardi nel settennato, cui si dovrebbe sommare una quota di cofinanziamento di 24 miliardi. Grande la responsabilità dei politici nazionali e degli amministratori locali per gestire al meglio le risorse. Ovvero per sfruttare tutte le potenzialità dell’iniezione vitaminica “keynesiana” di fondi comunitari di cui l’economia europea ha assai bisogno per riprendere tono.

Ma ancor più nell’immediato, il varo del bilancio pluriennale segna anche l’avvio di importanti programmi di finanziamenti diretti gestiti da Bruxelles, da Orizzonte 2020 per l’innovazione e la ricerca (erede del Settimo programma quadro per la ricerca e l’innovazione) a Erasmus+ per la circolazione di studenti e ricercatori, da Cosme per aiutare le Pmi a essere competitive a Life+ per i progetti ambientali, fino ai programmi per sostenere iniziative sociali, per la cultura, la cittadinanza europea e il partenariato con Paesi terzi. Sono iniziative importanti che permettono di incanalare fondi in direzione delle finalità fissate dall’Unione europea e per i quali i soggetti italiani, pubblici e privati, si troveranno in competizioni con quelli degli altri Paesi Ue.

Già cominciano a muoversi gli ingranaggi dei nuovi programmi. E’ uscito il primo invito a presentare progetti per Europa per i cittadini, il programma che finanzierà iniziative per promuovere il senso civico comunitario. E l’11 dicembre già si sa che dovrebbero aprirsi le prime gare di Orizzonte 2020, il programma chiave per l’innovazione che mette a disposizione di aziende, istituti ed enti di ricerca del 28 Paesi europei ben 77 miliardi nell’arco di sette anni. In dicembre arrivano anche i primi inviti a presentare proposte per Europa creativa, lo sportello a favore della cultura.

L’Osservatorio dei finanziamenti Ue del Sole 24 Ore si impegna nelle prossime settimane a monitorare con la consueta puntualità bandi e inviti a presentare proposte dei programmi europei. A dare consigli e indicazioni per formare i partenariati con soggetti stranieri che possono favorire il successo e a districarsi nella complessità di europrogettazione e rendicontazione. In una serie, a cura di Maria Adele Cerizza, che parte con Horizon 2020 si scandaglieranno anche uno per uno i programmi dei nuovi finanziamenti diretti comunitari, esaminandone tutte le novità. Per offrire uno strumento informativo in più agli operatori italiani nelle gare comunitarie, che non sempre hanno visto il nostro Paese ottenere da Bruxelles risorse all’altezza delle sue potenzialità.

Questo sito fa uso dei cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando con la navigazione del sito accetti l'uso dei cookie. Più informazioni

INFORMATIVA SUI COOKIES

Informazioni sui cookies
Che cosa è un cookie? Un cookie è un piccolo file di testo che viene memorizzato dal computer nel momento in cui un sito web viene visitato da un utente. Il testo memorizza informazioni che il sito è in grado di leggere nel momento in cui viene consultato in un secondo momento. Alcuni di questi cookies sono necessari al corretto funzionamento del sito, altri sono invece utili al visitatore perché in grado di memorizzare in modo sicuro ad esempio il nome utente o le impostazioni di lingua. Il vantaggio di avere dei cookies installati nel proprio pc è quello di non aver più bisogno di compilare le stesse informazioni ogni qualvolta si voglia accedere ad un sito visitato in precedenza.

Perchè Unione Artigiani Italiani utilizza i cookies?
Unione Artigiani Italiani utilizza i cookies al fine di fornire ai propri clienti un’esperienza di acquisto modellata il più possibile intorno ai suoi gusti e preferenze. Tramite i cookies Unione Artigiani Italiani fa in modo che ad ogni visita sul sito non si debbano ricevere o inserire le stesse informazioni. I cookies vengono utilizzati anche al fine di ottimizzare le prestazioni del sito web: essi infatti rendono più facile sia il procedimento finale di acquisto che la ricerca veloce di elementi e prodotti specifici all'interno del sito. Al fine di proteggere i propri dati personali da possibili perdite e da qualsiasi forma di trattamento illecito Unione Artigiani Italiani – Sede Provinciale di Frosinone ha preso opportune misure tecniche ed organizzative. Per ulteriori informazioni si prega di consultare la nostra Informativa sulla privacy.

Come posso disattivare i cookies ?
È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:
1. Apri Firefox
2. Premi il pulsante “Alt” sulla tastiera
3. Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona “Strumenti” e successivamente “Opzioni”
4. Seleziona quindi la scheda “Privacy”
5. Vai su “Impostazioni Cronologia:” e successivamente su “Utilizza impostazioni personalizzate” . Deseleziona “Accetta i cookie dai siti” e salva le preferenze.

Internet Explorer:
1. Apri Internet Explorer
2. Clicca sul pulsante “Strumenti” e quindi su “Opzioni Internet”
3. Seleziona la scheda “Privacy” e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l’alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
4. Quindi clicca su OK

Google Chrome:
1. Apri Google Chrome
2. Clicca sull'icona “Strumenti”
3. Seleziona “Impostazioni” e successivamente “Impostazioni avanzate”
4. Seleziona “Impostazioni dei contenuti” sotto la voce “Privacy”
5. Nella scheda “Cookies” è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:
1. Apri Safari
2. Scegli “Preferenze” nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello “Sicurezza” nella finestra di dialogo che segue
3. Nella sezione “Accetta cookie” è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto (contrassegnato da un punto interrogativo)
4. Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su “Mostra cookie”

Chiudi