Rivalutazione beni d’impresa, nuova possibilità offerta dalla legge di stabilità 2014

2a14beb1aee2d71c6fecb12f25c690f7_l

LE IMPRESE HANNO LA POSSIBILITÀ DI EFFETTUARE LA RIVALUTAZIONE DEI BENI RISULTANTI DAL BILANCIO AL 31.12.2012 E APPARTENENTI ALLA STESSA CATEGORIA OMOGENEA. LA RIVALUTAZIONE DEVE ESSERE ESEGUITA NEL BILANCIO O RENDICONTO 2013.

La Legge di Stabilità 2014, all’art. 1, commi da 140 a 146, ha riproposto la possibilità di rivalutare i beni d’impresa e le partecipazioni risultanti a bilancio.
In particolare, la rivalutazione deve essere eseguita nel bilancio o rendiconto 2013 e deve riguardare tutti i beni risultanti dal bilancio al 31.12.2012 appartenenti alla stessa categoria omogenea. A differenza della precedente rivalutazione (quella disposta dal D.L. n. 185/2008), questa volta possono essere rivalutati non solo i beni immobili, ma anche i beni mobili,come già avvenuto per la rivalutazione di cui alla Legge n. 342/2000, le cui disposizioni sono richiamate e applicabili in quanto compatibili. Restano esclusi solo gli immobili alla cui produzione o al cui scambio è diretta l’attività d’impresa.
La rivalutazione comporta il versamento di un’imposta sostitutiva ed ha effetti sia ai fini fiscali che ai fini civilistici.

SOGGETTI INTERESSATI
Possono fruire della possibilità di rivalutare i beni d’impresa i soggetti IRES di cui all’art. 73, comma 1, lett. a) e b) del TUIR (società di capitali, società cooperative, società di mutua assicurazione, enti commerciali) che NON adottano i princìpi contabili internazionali (IAS/IFRS) nella redazione del bilancio.
Inoltre, possono rivalutare i beni d’impresa anche i soggetti IRPEF (imprese individuali e società di persone), in quanto il comma 146 dell’art. 1 della Legge n. 147/2013 (Legge di Stabilità 2014) prevede che “si applicano, in quanto compatibili”, le disposizioni di cui all’art. 15 della Legge n. 342/2000, che estendeva la possibilità, appunto, a tali imprese.
Non possono, invece, avvalersi della possibilità di rivalutare i beni d’impresa le società semplici, come era stato chiarito in passato dalla Circolare n. 57/E/2001.

L’IMPOSTA SOSTITUTIVA
La rivalutazione dei beni d’impresa avviene versando un’imposta sostitutiva delle imposte sui redditi e dell’Irap pari al 16% sui beni ammortizzabili e al 12% sugli altri.
Il saldo attivo della rivalutazione può essere affrancato, in tutto o in parte, con l’applicazione di un’imposta sostitutiva delle imposte sui redditi e dell’Irap pari al 10%. Grazie all’affrancamento, il saldo risulterà liberamente distribuibile ai soci.

Le imposte sostitutive (sia quella per l’affrancamento del saldo di rivalutazione, sia quella per il riconoscimento del maggior valore ai fini fiscali) devono essere versate in 3 rate annuali di pari importo senza interessi. In particolare, la prima va versata entro il termine di versamento del saldo delle imposte sui redditi relative al periodo d’imposta con riferimento al quale la rivalutazione è eseguita, mentre le successive vanno versate entro il termine di versamento del saldo delle imposte sui redditi relative ai periodi d’imposta successivi.

Il perfezionamento della rivalutazione, tuttavia, come precisato dall’Agenzia delle Entrate nella citata Circolare n. 11/E/2009, non è collegato al versamento dell’imposta sostitutiva bensì all’indicazione del maggior valore rivalutato e della relativa imposta nel mod. UNICO.

Questo sito fa uso dei cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando con la navigazione del sito accetti l'uso dei cookie. Più informazioni

INFORMATIVA SUI COOKIES

Informazioni sui cookies
Che cosa è un cookie? Un cookie è un piccolo file di testo che viene memorizzato dal computer nel momento in cui un sito web viene visitato da un utente. Il testo memorizza informazioni che il sito è in grado di leggere nel momento in cui viene consultato in un secondo momento. Alcuni di questi cookies sono necessari al corretto funzionamento del sito, altri sono invece utili al visitatore perché in grado di memorizzare in modo sicuro ad esempio il nome utente o le impostazioni di lingua. Il vantaggio di avere dei cookies installati nel proprio pc è quello di non aver più bisogno di compilare le stesse informazioni ogni qualvolta si voglia accedere ad un sito visitato in precedenza.

Perchè Unione Artigiani Italiani utilizza i cookies?
Unione Artigiani Italiani utilizza i cookies al fine di fornire ai propri clienti un’esperienza di acquisto modellata il più possibile intorno ai suoi gusti e preferenze. Tramite i cookies Unione Artigiani Italiani fa in modo che ad ogni visita sul sito non si debbano ricevere o inserire le stesse informazioni. I cookies vengono utilizzati anche al fine di ottimizzare le prestazioni del sito web: essi infatti rendono più facile sia il procedimento finale di acquisto che la ricerca veloce di elementi e prodotti specifici all'interno del sito. Al fine di proteggere i propri dati personali da possibili perdite e da qualsiasi forma di trattamento illecito Unione Artigiani Italiani – Sede Provinciale di Frosinone ha preso opportune misure tecniche ed organizzative. Per ulteriori informazioni si prega di consultare la nostra Informativa sulla privacy.

Come posso disattivare i cookies ?
È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:
1. Apri Firefox
2. Premi il pulsante “Alt” sulla tastiera
3. Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona “Strumenti” e successivamente “Opzioni”
4. Seleziona quindi la scheda “Privacy”
5. Vai su “Impostazioni Cronologia:” e successivamente su “Utilizza impostazioni personalizzate” . Deseleziona “Accetta i cookie dai siti” e salva le preferenze.

Internet Explorer:
1. Apri Internet Explorer
2. Clicca sul pulsante “Strumenti” e quindi su “Opzioni Internet”
3. Seleziona la scheda “Privacy” e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l’alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
4. Quindi clicca su OK

Google Chrome:
1. Apri Google Chrome
2. Clicca sull'icona “Strumenti”
3. Seleziona “Impostazioni” e successivamente “Impostazioni avanzate”
4. Seleziona “Impostazioni dei contenuti” sotto la voce “Privacy”
5. Nella scheda “Cookies” è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:
1. Apri Safari
2. Scegli “Preferenze” nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello “Sicurezza” nella finestra di dialogo che segue
3. Nella sezione “Accetta cookie” è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto (contrassegnato da un punto interrogativo)
4. Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su “Mostra cookie”

Chiudi