Attività a rischio chiusura: la UAI scrive al Governo e avanza proposte

Gabriele Tullio

Contributo a fondo perduto di Euro 10.000 ad azienda oggetto di chiusura per DPCM; pagamento dei canoni di locazione alle stesse attraverso il credito d’imposta al Locatario; sospensione di tutte le imposte dirette e indirette a tutte le imprese indistintamente fino al gennaio 2022 con diluizione in 5 anni a tasso zero; sospensione delle utenze per i mesi di ottobre, novembre e dicembre 2020; immediato rafforzamento della mobilità mediante utilizzo delle migliaia di imprese del trasporto privato ferme e non operative; utilizzo dei percettori di RDC per sostegno alla fascia più anziana della collettività; snellimento burocratico delle procedure. Questi gli interventi prioritari da mettere in campo immediatamente entro la prima decade di novembre richiesti dall’Unione Artigiani Italiani al Governo. Il documento, firmato dai presidenti di tutte le Confederazioni della UAI è stato inviato al Premier Conte e ai ministri Catalfo, Patuanelli e Gualtieri alla luce dei dati raccolti provenienti da centinaia di aziende pronte a chiudere: “La scrivente Confederazione Datoriale e le Federazioni di Settore ad essa collegate – si legge nella lettera – esprime preoccupazione per i gravi fatti che si stanno verificando in queste ultime ore a seguito del DPCM del 24 ottobre 2020. Premesso che tali manifestazioni in questo particolare momento di emergenza non possono essere che condannate e le problematiche si devono affrontare con il dialogo e le soluzioni adeguate. Al contempo non possiamo che esprimere la nostra solidarietà e vicinanza alle migliaia di imprese che sono in ginocchio e che vedono svanire i sogni ed i sacrifici di una vita. Non dimentichiamo che queste attività, in particolar modo quelle ricadenti nelle grandi città d’arte italiane, hanno sofferto anche nel periodo estivo non vedendo turisti stranieri. Bisogna intervenire immediatamente – spiega il Presidente UAI Gabriele Tullio – per tranquillizzare e ristorare le imprese colpite, il tempo degli annunci è finito. Il tessuto produttivo aspetta azioni concrete ed immediate auspico che il Governo ci ascolti e ci convochi immediatamente, altrimenti saremo costretti a scendere in piazza al fianco loro”.

Questo sito fa uso dei cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando con la navigazione del sito accetti l'uso dei cookie. Più informazioni

INFORMATIVA SUI COOKIES

Informazioni sui cookies
Che cosa è un cookie? Un cookie è un piccolo file di testo che viene memorizzato dal computer nel momento in cui un sito web viene visitato da un utente. Il testo memorizza informazioni che il sito è in grado di leggere nel momento in cui viene consultato in un secondo momento. Alcuni di questi cookies sono necessari al corretto funzionamento del sito, altri sono invece utili al visitatore perché in grado di memorizzare in modo sicuro ad esempio il nome utente o le impostazioni di lingua. Il vantaggio di avere dei cookies installati nel proprio pc è quello di non aver più bisogno di compilare le stesse informazioni ogni qualvolta si voglia accedere ad un sito visitato in precedenza.

Perchè Unione Artigiani Italiani utilizza i cookies?
Unione Artigiani Italiani utilizza i cookies al fine di fornire ai propri clienti un’esperienza di acquisto modellata il più possibile intorno ai suoi gusti e preferenze. Tramite i cookies Unione Artigiani Italiani fa in modo che ad ogni visita sul sito non si debbano ricevere o inserire le stesse informazioni. I cookies vengono utilizzati anche al fine di ottimizzare le prestazioni del sito web: essi infatti rendono più facile sia il procedimento finale di acquisto che la ricerca veloce di elementi e prodotti specifici all'interno del sito. Al fine di proteggere i propri dati personali da possibili perdite e da qualsiasi forma di trattamento illecito Unione Artigiani Italiani – Sede Provinciale di Frosinone ha preso opportune misure tecniche ed organizzative. Per ulteriori informazioni si prega di consultare la nostra Informativa sulla privacy.

Come posso disattivare i cookies ?
È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:
1. Apri Firefox
2. Premi il pulsante “Alt” sulla tastiera
3. Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona “Strumenti” e successivamente “Opzioni”
4. Seleziona quindi la scheda “Privacy”
5. Vai su “Impostazioni Cronologia:” e successivamente su “Utilizza impostazioni personalizzate” . Deseleziona “Accetta i cookie dai siti” e salva le preferenze.

Internet Explorer:
1. Apri Internet Explorer
2. Clicca sul pulsante “Strumenti” e quindi su “Opzioni Internet”
3. Seleziona la scheda “Privacy” e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l’alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
4. Quindi clicca su OK

Google Chrome:
1. Apri Google Chrome
2. Clicca sull'icona “Strumenti”
3. Seleziona “Impostazioni” e successivamente “Impostazioni avanzate”
4. Seleziona “Impostazioni dei contenuti” sotto la voce “Privacy”
5. Nella scheda “Cookies” è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:
1. Apri Safari
2. Scegli “Preferenze” nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello “Sicurezza” nella finestra di dialogo che segue
3. Nella sezione “Accetta cookie” è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto (contrassegnato da un punto interrogativo)
4. Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su “Mostra cookie”

Chiudi