La tutela delle imprese ai tempi del Covid-19

5174357_1246_prestiti_imprese_covid_garanzia_fondo_abi_come_fare_domanda_guida_coronavirus

La scarna formulazione dell’art. 51, commi 3-bis e 3-ter, del d.lgs. n. 81/2008 non ha sicuramente favorito l’applicazione di uno strumento che può divenire sostanziale ai fini di una migliore qualifica del sistema di prevenzione aziendale, indipendentemente dalle dimensioni delle organizzazioni che decidono di avviare questo percorso.

Di contro, giusto per dovere di cronaca, il silenzio “assordante” su questa previsione del D.lgs 81/08 e s.m.i. ha relegato l’argomento quale elemento di discussione all’interno di convegni, seminari, simposi ed altro, tralasciando gli importanti aspetti inerenti un utilizzo pratico dello strumento.

E’ del tutto evidente che, un’analisi approfondita fa emergere le enormi potenzialità ed i molteplici vantaggi a favore delle imprese che decidono di accedere al meccanismo dell’asseverazione dei Modelli ex art. 30 D.lgs 81/08 e s.m.i.

Obbiettivo di questo redazionale è quello di far riflettere le organizzazioni territoriali (sedi territoriali, Organismi Paritetici ed altro) e le aziende sulle potenzialità enormi di un servizio che assume una importante valenza aziendale e sociale, dove i costi/benefici per le imprese che decidono di avviare un processo di asseverazione dei Modelli ex art. 30 D.lgs 81/08 e s.m.i.sono pari ai benefici che nel medio periodo ottiene la collettività, consentendo in particolar modo anche alle PMI di utilizzare questo importante strumento di prevenzione.

Giusto per coerenza è doveroso ricordare che l’efficace adozione e attuazione di un Modello Conforme alle previsioni di cui al D.lgs 231/01 assume efficacia esimente, mentre l’asseverazione dei Modelli ex art. 30 D.lgs 81/08 e s.m.i. (con specifico riferimento ai reati di cui all’art. 25 septies del D.lgs 231/01), può rivelarsi utile o decisiva ai fini probatori.

Il comma 3-bis del D.lgs 81/08 e s.m.i. stabilisce che «gli organismi paritetici […] su richiesta delle imprese, rilasciano una attestazione dello svolgimento delle attività e dei servizi di supporto al sistema delle imprese, tra cui l’asseverazione della adozione e della efficace attuazione dei modelli di organizzazione e gestione della sicurezza di cui all’articolo 30, della quale gli organi di vigilanza possono tener conto ai fini della programmazione delle proprie attività». Mentre l’art. 51, comma 3-ter si limita a stabilire che «ai fini di cui al comma 3-bis, gli organismi paritetici istituiscono specifiche commissioni paritetiche, tecnicamente competenti».

Uno degli aspetti che spesso crea confusione è legato alla differenza tra elementi che possono essere ritenuti simili, quali la Asseverazione e la certificazione (es. la certificazione conforme alla Norma ISO 45001:2018).

Come evidenziato in passato da alcuni commentatori sembrerebbe emergere la volontà di intendere l’asseverazione come una peculiare attestazione che si differenzia dalla certificazione.

La differenza applicativa tra i due termini (abbiamo tralasciato in questa fase l’analisi etimologica della parola asseverazione) si evidenzia nel fatto che il potere di rilasciare una asseverazione sia stato conferito agli organismi paritetici e non ad un organo terzo in senso tecnico (come può essere un OdC Accreditato), creando le condizioni per un interessante esperimento in cui le parti sociali (associazioni datoriali e sindacali) assumono un ruolo importante, affinchè, finalmente l’adozione reale di un Modello ex art. 30 D.lgs 81/08 e s.m.i. tuteli la salute e sicurezza dei lavoratori e nel contempo riduca i rischi aziendali per violazione di specifici reati penali.

A proposito di rischi imprenditoriali, si rileva come l’articolo 45 del D.lgs 231/01 e s.m.i. dal titolo Applicazione delle misure cautelari, citi testualmente: “1. Quando sussistono gravi indizi per ritenere la sussistenza della responsabilità dell´ente per un illecito amministrativo dipendente da reato e vi sono fondati e specifici elementi che fanno ritenere concreto il pericolo che vengano commessi illeciti della stessa indole di quello per cui si procede, il pubblico ministero può richiedere l´applicazione quale misura cautelare di una delle sanzioni interdittive previste dall´articolo 9, comma 2, presentando al giudice gli elementi su cui la richiesta si fonda, compresi quelli a favore dell´ente e le eventuali deduzioni e memorie difensive già depositate”.

E’ altresì interessante evidenziare che l’asseverazione opera in un ambito applicativo assai più ampio rispetto alla singola certificazione. In effetti, l’asseverazione può riguardare qualsiasi modello di organizzazione e di gestione ex art. 30 del d.lgs. n. 81/2008, quale ad esempio un modello basato sulle “Procedure semplificate  per l’adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG)  nelle piccole e medie imprese (PMI)”,mentre la singola certificazione può aversi solo in relazione a sistemi di gestione conformi alle singole norme quali BS OHSAS 18001:2007 (ora sostituita dalla Norma ISO 45001:2018), cui fa riferimento il comma 5 dell’art. 30, del d.lgs. n. 81/2008.

In applicazione a quanto previsto dall’art. 51, commi 3-bis e 3-ter, del d.lgs. n. 81/2008solo all’asseverazione viene attribuito l’effetto di orientare la programmazione dell’attività degli organi di vigilanza, ma non alla certificazione di sistema.

13.08.2020

“Carola Anzalone” Presidente UAI Monza e Brianza e OPR CNEBIFIR Lombardia

Questo sito fa uso dei cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando con la navigazione del sito accetti l'uso dei cookie. Più informazioni

INFORMATIVA SUI COOKIES

Informazioni sui cookies
Che cosa è un cookie? Un cookie è un piccolo file di testo che viene memorizzato dal computer nel momento in cui un sito web viene visitato da un utente. Il testo memorizza informazioni che il sito è in grado di leggere nel momento in cui viene consultato in un secondo momento. Alcuni di questi cookies sono necessari al corretto funzionamento del sito, altri sono invece utili al visitatore perché in grado di memorizzare in modo sicuro ad esempio il nome utente o le impostazioni di lingua. Il vantaggio di avere dei cookies installati nel proprio pc è quello di non aver più bisogno di compilare le stesse informazioni ogni qualvolta si voglia accedere ad un sito visitato in precedenza.

Perchè Unione Artigiani Italiani utilizza i cookies?
Unione Artigiani Italiani utilizza i cookies al fine di fornire ai propri clienti un’esperienza di acquisto modellata il più possibile intorno ai suoi gusti e preferenze. Tramite i cookies Unione Artigiani Italiani fa in modo che ad ogni visita sul sito non si debbano ricevere o inserire le stesse informazioni. I cookies vengono utilizzati anche al fine di ottimizzare le prestazioni del sito web: essi infatti rendono più facile sia il procedimento finale di acquisto che la ricerca veloce di elementi e prodotti specifici all'interno del sito. Al fine di proteggere i propri dati personali da possibili perdite e da qualsiasi forma di trattamento illecito Unione Artigiani Italiani – Sede Provinciale di Frosinone ha preso opportune misure tecniche ed organizzative. Per ulteriori informazioni si prega di consultare la nostra Informativa sulla privacy.

Come posso disattivare i cookies ?
È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:
1. Apri Firefox
2. Premi il pulsante “Alt” sulla tastiera
3. Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona “Strumenti” e successivamente “Opzioni”
4. Seleziona quindi la scheda “Privacy”
5. Vai su “Impostazioni Cronologia:” e successivamente su “Utilizza impostazioni personalizzate” . Deseleziona “Accetta i cookie dai siti” e salva le preferenze.

Internet Explorer:
1. Apri Internet Explorer
2. Clicca sul pulsante “Strumenti” e quindi su “Opzioni Internet”
3. Seleziona la scheda “Privacy” e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l’alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
4. Quindi clicca su OK

Google Chrome:
1. Apri Google Chrome
2. Clicca sull'icona “Strumenti”
3. Seleziona “Impostazioni” e successivamente “Impostazioni avanzate”
4. Seleziona “Impostazioni dei contenuti” sotto la voce “Privacy”
5. Nella scheda “Cookies” è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:
1. Apri Safari
2. Scegli “Preferenze” nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello “Sicurezza” nella finestra di dialogo che segue
3. Nella sezione “Accetta cookie” è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto (contrassegnato da un punto interrogativo)
4. Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su “Mostra cookie”

Chiudi